Da Kabul a Camerino – solo andata. In viaggio con Rita Cucè

18/12/2017 - Pubblicato da Redazione in Novità

Quattro appuntamenti di solidarietà per ricostruire l’Istituto Musicale di Camerino


Aisa Impianti SpA partecipa al progetto di Solidarietà che vede uniti enti ed aziende aretine con capofila il Comune di Arezzo e promosso dall’associazione UnAltroPremio – Festiv’Art 2.0. Una serie di eventi il cui incasso sarà destinato alla ricostruzione dell’Istituto Musicale “Nelio Biondi” di Camerino (MC) gravemente danneggiato dal sisma nel 2016.

L’evento clou è in programma domenica 4 febbraio all’Auditorium di Arezzo Fiere e Congressi con il concerto sinfonico della Filarmonica del Teatro Regio di Torino con la solista Rita Cucè. Farà da cornice a questo evento la mostra fotografica di Paolo Siccardi che ha documentato la situazione di Camerino all’indomani del sisma con una serie di suggestivi scatti.

Il Presidente Aisa Impianti Giacomo Cherici: “l’azienda è sempre pronta a sostenere le iniziative che evidenzino l’utilità di un sistema integrato di recupero dei rifiuti che diventa strategico quando si verificano eventi calamitosi di questa importanza. Aisa Impianti è stata in grado di dare una risposta in termini impiantistici alla necessità di smaltimento dei rifiuti di alcune comunità terremotate. Questo è possibile quando i cittadini riducono i propri rifiuti e permettono ai nostri impianti di servire comunità più ampie o che ne abbiano bisogno”.

I biglietti sono già disponibili al costo di 20 euro cad. presso i seguenti punti vendita:

  • Rete Teatrale Aretina: Via Bicchieraia 34 - tel 0575 1824380, mart. e giov. orario 16-19
  • Officine della Cultura: Via Trasimeno 16 - tel 0575 27961, dal lun. al ven. orario ufficio
  • Teatro Petrarca: nei giorni di spettacolo della stagione teatrale e concertistica orario 10-13 e 17-inizio spettacolo

L’intero incasso della serata sarà devoluto all’Istituto Musicale “Nelio Biondi” di Camerino (MC).


Sisma a Camerino, lettera di una ragazza dell’Ist. Biondi: “Un anno lontana dalla musica”: leggi QUI l’articolo